blog - gianluca grossi

biografia - gianluca grossi

discografia - gianluca grossi

bibliografia - gianluca grossi

testi canzoni - gianluca grossi

video - gianluca grossi

scarabocchi - gianluca grossi

fotografie - gianluca grossi

spigolature scientifiche - gianluca grossi

il raggio verde - gianluca grossi

date live e news - gianluca grossi

contatti - gianluca grossi

 

scrivi a Gianluca facebook di Gianluca video di Gianluca musica di Gianluca musica e libri di Gianluca su iTunes musica e libri di Gianluca su Amazon pagina linkedin di Gianluca Grossi

 

cronaca recente - gianluca grossi

 

Tachipirine a Timisoara

Timisoara, finalmente. Un po’ di idee elaborate dopo anni di lavoro per OBC. La musica soprattutto, ma anche la storie, le genti, le filosofie. Intanto, per chi volesse, sabato sarò a Lecco per la festa di San Patrizio. Strimpellerò brani bellissimi e senza tempo, avendo l’onore di aprire le danze a suon di Pogues per l’ora di pranzo… e non sono escluse nuove canzoni. Sì, anche Tachipirina Blues e L’Uomo di Neanderthal…

sbzppx1

Tachipirina blues

Si prende all’occorrenza
Per togliersi dai piedi
Malesseri, ingiustizie
Incomprensibili rimedi

Col paracetamolo
O acetaminofene
È tutta un’altra storia
Poi sentirsi così bene

Tachipirina blues

Metabolita attivo
Con la temperatura
Che crolla in un baleno
E spazza via anche la paura

Ma quale etanammide
Parliamoci sul serio
Il farmaco dei farmaci
È un sottile desiderio

Tachipirina blues

Non ce ne sono di controindicazioni
L’epatotossicità farneticazioni
E finalmente l’inibizione della ciclossigenasi

Certezza popolare
Come le caldarroste
Un paradigma scelto
Fra migliaia di proposte

Dal capo dello Stato
Ai vespri della nonna
Va bene un po’ per tutti
Con o senza minigonna

2018

L’uomo di Neanderthal

Vengo da molto lontano
Forse da un padre africano
Con la mandibola storta
C’era una volta

Vengo dal freddo a occidente
L’aria che arriva pungente
Ghiaccio fin sopra i capelli
Altro che belli

Quanti centimetri cubi
Stanno nel nostro cervello
Milleseicento abbondanti
Se non son tanti

Ah, in Europa che ci sto a fare
Senza neanche un po’ di sole
Non c’è scampo, né finzione
Tanto vale l’estinzione

Vengo dall’heidelbergensis
Chissà dov’è il floriesiensis
Poi c’è il cugino arrivato
Appena passato

Quello che chiamano sapiens
Ma quale razza di sapiens
Se tutto quel che ha da dire
È un bel starnutire

Quante promesse mancate
Dall’olocene all’estate
La glaciazione wurmiana
E la tramontana

Ah, in Europa che ci sto a fare
Senza neanche un po’ di sole
Non c’è scampo, né finzione
Tanto vale l’estinzione

Mon nom est néandertalien
Je rentre à la maison
De Cro-Magnon

Vengo da un grande mistero
Di un darwiniano pensiero
Forme australopitecine
E stelle marine

L’ibridazione per gioco
Vale la pena per poco
Ne rimarranno le tracce
In mille boccacce

Quanto è importante la vita
Anche se spesso è fatica
E la tecnica di Levallois
Eccola qua

2018


musica ed eucarioti

in qualche modo continua l’avventura iniziata per caso. nessuna mia canzone ha mai riscosso così tanto interesse come quelle scientifiche. e così perché non dare alla luce un cd in tema? ci sto pensando, intanto eccomi alle prese con il cammino umano e con… gli eucarioti!

hjd71ab

La cellula eucariote

La cellula eucariote è quella più evoluta
Gli organuli presenti, il presupposto per la vita

Membrana a doppio strato perché un fosfolipide
Non ha la stessa austerità di un qualche nucleotide

Nel nucleo ci stanno organizzati cromosomi
Gli omologhi di fatto e chissà quali i centrosomi

Nel cuore del nucleolo e nei pori nucleari
Qualcosa di impalpabile ed effetti straordinari

Altro che faccia da idiota
Semmai l’eucariota è il più bello che c’è
Altro che cito discorsi al servizio di un re

Reticolo rugoso ed endoplasmatico
Rispetto a quello liscio ben più carismatico

Perché è da lì che partono triplette e proteine
La sintesi proteica, proline e metionine

Un centro smistamento è il Golgi tuttofare
Un corpo di vescicole e nel citoplasma, il mare

Dei mitocondri alfine, virtù energetizzanti
La cellula respira e come tutti tira avanti

Altro che faccia da idiota
Semmai l’eucariota è il più bello che c’è
Altro che cito discorsi al servizio di un re

In quella vegetale ci sono i cloroplasti
Così la fotosintesi e perfino i cromoplasti

Per colorare un fiore non bastano i vacuoli
Nemmeno il dittiosoma o chissà quali forcaioli

Particolarità ma necessari al buongoverno
La cellula nasconde i lisosomi anche in inverno

Ma all’occorrenza un fagolisosoma ci può stare
E tutto quello che non serve grazie a Dio si può buttare

2017


giornali e ciclo di krebs

insomma, a volte le cose sfuggono di mano. e così il ciclo di krebs è andato ben oltre le aspettative. posizionandosi fra i miei più “grandi” successi di sempre (è per ridere, naturalmente). fatto sta che perfino la stampa s’è prodigata per mettere in luce un autore di canzoni che si occupa di un ciclo biochimico. un’esperienza a dir poco simpatica (e inaspettata).

cittadino